notizie dalla Diocesi e dalle Parrocchie

    Domenica la Santa Messa in diretta dalla Cattedrale di Tortona

    Sarà la Chiesa Cattedrale di Tortona ad ospitare la diretta della Santa Messa di domenica mattina alle 10:30 su RadioPNR.

    La celebrazione sarà in diretta video sui siti www.radiopnr.itwww.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, inoltre si potrà seguire in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    La Celebrazione Eucaristica, presieduta da Don Claudio Baldi, sarà trasmessa anche in digitale terrestre su TeleCupole (Canale 15 del Digitale Terrestre, Canale 824 di Sky e Canale 422 di TivùSAT).

    (Leggi tutto...)
    Domenica la Santa Messa celebrata da Mons. Canessa in diretta da Stradella

    Sarà la Chiesa Parrocchiale di Stradella ad ospitare la diretta della Santa Messa di domenica mattina alle 10:30 su RadioPNR.

    La Celebrazione Eucaristica sarà presieduta dal Vescovo emerito Mons. Martino Canessa.

    La celebrazione sarà in diretta video sui siti www.radiopnr.itwww.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, inoltre si potrà seguire in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Domani mattina la Santa Messa in diretta da Casella

    Sarà la Chiesa Parrocchiale di Casella in Valle Scrivia ad ospitare la diretta della Santa Messa di domani mattina alle 11:00 su RadioPNR. La Celebrazione Eucaristica sarà presieduta da Don Stefano Calissano nella XII Domenica del Tempo Ordinario.

    La celebrazione sarà in diretta video sui siti www.radiopnr.itwww.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, inoltre si potrà seguire in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Domani mattina la Santa Messa in diretta dalla Collegiata di Novi Ligure

    Sarà la Chiesa Collegiata di Novi Ligure ad ospitare la diretta della Santa Messa di domani mattina alle 10:00 su RadioPNR. La Celebrazione Eucaristica sarà presieduta dal Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, nella Solennità del Corpus Domini.

    La celebrazione sarà in diretta video sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, inoltre si potrà seguire in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Questa sera il Pontificale del Corpus Domini

    Oggi, 11 giugno, il Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, presiederà in Cattedrale alle ore 21:00 la Santa Messa in occasione della Solennità del Corpus Domini. La Celebrazione si concluderà con l’esposizione del Santissimo Sacramento e la Benedizione Eucaristica.

    Le radici della Solennità del Corpus Domini risalgono al XIII secolo. Nel 1215, di fronte a quanti asserivano la presenza simbolica e non reale di Cristo nell’Eucaristia, il Concilio Lateranense IV afferma la verità della Transustanziazione, che il Concilio di Trento nel 1551 ribadirà in modo definitivo: con la consacrazione del pane e del vino si opera la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo di Cristo e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. In Belgio, in seguito alle esperienze mistiche di Santa Giuliana di Cornillon, viene istituita nel 1247 una festa locale a Liegi. Dopo qualche anno, nel 1263, un sacerdote boemo giunto a Bolsena è afflitto dal dubbio circa la presenza reale di Gesù mentre celebra la Messa: durante la consacrazione, dall’Ostia spezzata escono alcune gocce di sangue. Dopo questo evento, Papa Urbano IV decide nel 1264 di estendere a tutta la Chiesa la Solennità del Corpus Domini.

    La Santa Messa sarà trasmessa in diretta video su www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e su www.ilpopolotortona.it, inoltre sarà trasmessa in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Questa sera in diretta la Catechesi del Vescovo

    Si terrà questa sera alle 21 l'ultima diretta della Catechesi predicata dal Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, nella Cattedrale di Tortona.

    L'appuntamento era da sempre destinato ai Ministri Straordinari dell'Eucarestia e, per per permettere a tutti di partecipare nonostante le limitazioni relative al coronavirus, si è scelto di trasmetterlo anche in streaming video sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Domenica la Santa Messa in diretta da Casei Gerola

    Sarà la Collegiata di San Giovanni Battista a Casei Gerola la chiesa scelta per la diretta della Santa Messa di domenica mattina su RadioPNR. Don Maurizio Ceriani alle ore 11 presiederà la Celebrazione Eucaristica nella Solennità della Santissima Trinità.

    La Santa Messa si potrà seguire in diretta video su www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it, in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming tramite la nostra app.

    (Leggi tutto...)
    Questa sera la diretta della Catechesi del Vescovo

    Continuano le dirette religiose di RadioPNR. Mercoledì sera, 3 giugno, alle ore 21:00 trasmetteremo la diretta della Catechesi predicata in Cattedrale dal Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola.

    Il tema della Catechesi di mercoledì sarà il brano del Vangelo di Giovanni letto durante la Messa di Pentecoste di domenica scorsa.

    Come di consueto si potrà seguire la Catechesi in diretta video sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it. Inoltre la Catechesi verrà trasmessa anche in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Domani la diretta del Pontificale di Pentecoste presieduto dal Vescovo Viola

    Continuano le dirette di RadioPNR delle Messe festive. Domani 31 maggio, trasmetteremo in diretta dalla Cattedrale di Tortona il solenne Pontificale di Pentecoste presieduto dal Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola.

    La Celebrazione sarà alle ore 10:30 e si potrà seguire in diretta video sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it. Inoltre sarà trasmessa in Fm su RadioPNR 96.400 ed in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Questa sera la Santa Messa in diretta dal Santuario della Madonna di Caravaggio di Fumo

    Oggi, 26 maggio, il Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, si recherà al Santuario della Madonna di Caravaggio di Fumo per celebrare alle ore 21:00 la Santa Messa nella Festa della Madonna di Caravaggio.

    RadioPNR, in linea con le indicazioni della Diocesi sulla Fase 2, trasmetterà in diretta video la Celebrazione su questo sito internet. Inoltre, si potrà seguire la Santa Messa anche in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming tramite la nostra app.

    (Leggi tutto...)
    Domenica la Santa Messa in diretta dal Duomo di Voghera

    Nonostante si possa tornare a celebrare pubblicamente, RadioPNR, in linea con le indicazioni della Diocesi, ha scelto di continuare con le dirette della Santa Messa domenicale.

    Oggi, Solennità dell’Ascensione, il vescovo Vittorio Francesco Viola presiederà la celebrazione eucaristica al Duomo di Voghera alle ore 10.00, durante la quale verrà conferito il ministero dell’accolitato al seminarista Daniele Lottari.

    RadioPNR ha scelto, per l'importanza della celebrazione per l'intera Diocesi e per la comunità di Voghera duramente colpita dalla pandemia, di trasmettere proprio questa Santa Messa.

    Al termine, come di consueto, spazio alla musica classica che accompagnerà gli ascoltatori fino al collegamento con la Biblioteca del Palazzo Apostolico in Vaticano per la recita del Regina Cœli.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. Da lunedì tornano le Messe con il popolo. Le indicazioni del Vescovo

    Ora è ufficiale. Anche in Diocesi di Tortona da lunedì tornano le Sante Messe con il concorso di popolo. Il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, infatti, ha emanato le direttive per poter celebrare in sicurezza partendo dal protocollo firmato lo scorso 7 maggio dal Presidente della CEI, S.E. Card. Gualtiero Bassetti, dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

    Partendo dalle più basilari norme anticontagio (distanza tra le persone di almeno 1 metro; evitare ogni assembramento; indossare la mascherina, in modo che copra naso e bocca; igienizzare le mani (e tutte le altre regole dell’igiene personale); non uscire da casa in presenza di sintomi influenzali/respiratori (tosse, raffreddore, ecc.), di temperatura corporea uguale o superiore ai 37,5° C o se si è stato in contattocon persone positive al virus nei giorni precedenti), il Vescovo ha elencato ciò che deve essere fatto dalle varie chiese per poter celebrare pubblicamente.

    Innanzitutto deve essere affisso all'ingresso un manifesto scaricabile dal sito della Diocesi o che si potrà trovare nel numero de Il Popolo che deve riportare il numero massimo di fedeli che possono essere ammessi nelle singole chiese e il riassunto delle varie norme.

    Per le celebrazioni le chiese, preferibilmente, dovranno essere lasciate aperte in modo da favorire il ricambio dell'aria. Durante l'entrata e l'uscita dei fedeli le porte devono obbligatoriamente essere lasciate aperte in modo da non permettere che vengano toccate. All’ingresso devono essere disponibili liquidi igienizzanti. Si può provvedere con un semplice tavolino sul quale porre un dispenser, come quello per i comuni saponi, contenete del gel o del liquido igienizzante.

    Il Vescovo ha spiegato come si deve distribuire l'Eucarestia per rispettare le norme anticontagio. 

    La raccolta delle offerte non deve avvenire durante Ia celebrazione, ma attraverso appositi contenitori, che possono essere collocati agli ingressi o in altro luogo ritenuto idoneo a meno che non si usi la borsa con il bastone, che permette di mantenere le distanze.

    Si può tornare a celebrare i Funerali in chiesa pur rimanendo la possibilità, in accordo con i familiari del defunto, di celebrare al cimitero le esequie senza la Messa (con la liturgia della Parola, come previsto dal Rituale), soprattutto laddove l’ampiezza delle chiese limita di molto la partecipazione, spesso più numerosa in occasione dei funerali.

    Tutte queste disposizioni valgono non solo per la celebrazione eucaristica ma per tutte le celebrazioni dei sacramenti come pure per la recita del Rosario per i defunti.

    Sono al momento sospese la celebrazione del sacramento della Cresima, le processioni, i cortei funebri e le benedizioni delle famiglie perché sono occasioni di assembramento e, di conseguenza, non è possibile garantire le norme anticontagio.

    Per tutte le indicazioni complete si può fare riferimento alla pagina sul sito della Diocesi al link http://www.diocesitortona.it/news.php?id_news=3130&id_enti=1.

    (Leggi tutto...)
    Tortona in festa per San Luigi Orione

    Da domani, 13 maggio, Tortona sarà in festa per la solennità di San Luigi Orione. Seppur a porte chiuse, infatti, il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, presiederà tutti i giorni la Santa Messa alla Basilica della Madonna della Guardia di Tortona dove si trovano le spoglie del santo.

    Da domani, mercoledì, fino a venerdì alle 20:30 verrà recitato il Santo Rosario ed alle 21:00 Mons. Viola presiederà la Santa Messa concelebrata dal Rettore della Basilica Don Renzo Vanoi.

    Sabato, solennità di San Luigi Orione, di cui quest'anno ricorre il 125° anniversario dell'ordinazione sacerdotale avvenuta il 16 aprile 1895, alle 18:00 il Vescovo presiederà il solenne Pontificale in onore del santo tortonese.

    Tutte le celebrazioni saranno trasmesse in diretta video su www.radiopnr.itwww.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it inoltre si potranno seguire le celebrazioni anche in FM su RadioPNR 96.400.

    (Leggi tutto...)
    Dal 18 maggio entra in vigore il protocollo per le Messe con il popolo

    È stato firmato giovedì 7 maggio, a Palazzo Chigi, il Protocollo che permetterà la ripresa delle celebrazioni con il popolo.

    Il testo giunge a conclusione di un percorso che ha visto la collaborazione tra la Conferenza Episcopale Italiana, il Presidente del Consiglio, il Ministro dell’Interno – nello specifico delle articolazioni, il Prefetto del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, Michele di Bari, e il Capo di Gabinetto, Alessandro Goracci – e il Comitato Tecnico-Scientifico.

    Nel rispetto della normativa sanitaria disposta per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da SARS-CoV-2, il Protocollo indica alcune misure da ottemperare con cura, concernenti l’accesso ai luoghi di culto in occasione di celebrazioni liturgiche; l’igienizzazione dei luoghi e degli oggetti; le attenzioni da osservare nelle celebrazioni liturgiche e nei sacramenti; la comunicazione da predisporre per i fedeli, nonché alcuni suggerimenti generali.

    Nel predisporre il testo si è puntato a tenere unite le esigenze di tutela della salute pubblica con indicazioni accessibili e fruibili da ogni comunità ecclesiale.

    Il Protocollo – firmato dal Presidente della CEI, Cardinale Gualtiero Bassetti, dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese – entrerà in vigore da lunedì 18 maggio 2020.

    Il Protocollo è frutto di una profonda collaborazione e sinergia fra il Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico e la CEI, dove ciascuno ha fatto la propria parte con responsabilità”, ha evidenziato il Cardinale Gualtiero Bassetti, ribadendo l’impegno della Chiesa a contribuire al superamento della crisi in atto.

    Le misure di sicurezza previste nel testo – ha sottolineato il Presidente Giuseppe Conte – esprimono i contenuti e le modalità più idonee per assicurare che la ripresa delle celebrazioni liturgiche con il popolo avvenga nella maniera più sicura. Ringrazio la CEI per il sostegno morale e materiale che sta dando all’intera collettività nazionale in questo momento difficile per il Paese”.

    Fin dall’inizio abbiamo lavorato per giungere a questo Protocollo – ha concluso il Ministro Luciana Lamorgese -: il lavoro fatto insieme ha dato un ottimo risultato. Analogo impegno abbiamo assunto anche con le altre Confessioni religiose”.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. L'annuncio del Vescovo: "Domani sera preghiamo per le vocazioni"

    Come ogni anno, nella domenica del Buon Pastore la Chiesa celebra laGiornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni: vogliamo insieme pregare il padrone della messeperché mandi operai nella sua messe (cfr. Mt 9,38).

    Il Vescovo Vittorio ci invita ad unirci tutti in preghiera lunedì 4 maggio 2020, alle ore 20.00pregheremo insieme tutti i misteri del Santo Rosario.

    Preghiamo “perché ciascuno possa scoprire con gratitudine la chiamata che Dio gli rivolge, trovare il coraggio di dire “sì”, vincere la fatica nella fede in Cristo e, infine, offrire la propria vita come cantico di lode per Dio, per i fratelli e per il mondo intero. La Vergine Maria ci accompagni e interceda per noi (Papa FrancescoMessaggio per la 57ª giornata mondiale di preghiera per le vocazioni).

    La preghiera presieduta dal nostro Vescovo verrà trasmessa in diretta sui nostri canali: www.diocesitortona.it, www.radiopnr.itwww.ilpopolotortona.it; sul canale Youtube di RadioPNR (su Youtube.it cercare RadioPNR); sul territorio coperto dai 96.400 di RadioPNR (Circuito InBlu), in streaming attraverso la appRadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Coronavirus. Fase 2, trovato l'accordo tra CEI e Governo per le Messe con il popolo

    È stato, finalmente, trovato l'accordo tra la CEI ed il Governo sulla celebrazione delle Sante Messe con concorso di fedeli. Non si conosce ancora una data certa ma dal comunicato dei Vescovi italiani traspare un grande ottimismo, segno che il giorno è ormai vicino. Avvenire ipotizza, addirittura, che si possa tornare a celebrare pubblicamente già per l'Ascensione.

    Esprimo la soddisfazione mia, dei vescovi e, più in generale, della comunità ecclesiale per essere arrivati a condividere le linee di un accordo, che consentirà – nelle prossime settimane, sulla base dell’evoluzione della curva epidemiologica – di riprendere la celebrazione delle Messe con il popolo”. Così il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, Cardinale Gualtiero Bassetti, commenta la definizione di un Protocollo di massima, relativo alla graduale ripresa delle celebrazioni liturgiche.

    Il mio ringraziamento va al Presidente del Consiglio dei Ministri – aggiunge – con cui in queste settimane c’è stata un’interlocuzione continua e proficua. Questo clima ha portato un paio di giorni fa a definire le modalità delle celebrazioni delle Esequie, grazie soprattutto alla disponibilità e alla collaborazione del Ministro dell’Interno e del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione”.

    Nel contempo, “un pensiero di sincera gratitudine mi sento in dovere di esprimerlo al Ministro della Salute e all’intero Comitato tecnico-scientifico – prosegue il Cardinale Bassetti -: questa tempesta, inedita e drammatica, ha posto sulle loro spalle un carico enorme in termini di responsabilità”.

    Come Chiesa – riconosce – abbiamo condiviso, certo con sofferenza, le limitazioni imposte a tutela della salute di tutti, senza alcuna volontà di cercare strappi o scorciatoie, né di appoggiare la fuga in avanti di alcuno; ci siamo mossi in un’ottica di responsabilità, a tutela soprattutto dei più esposti. Alla vigilia di quella che ci auguriamo possa essere una rinascita per l’intero Paese, ribadisco l’importanza che non si abbassi la guardia ma, come abbiamo ripetuto in questi mesi, si accolgano le misure sanitarie nell’orizzonte del rispetto della salute di tutti, come pure le indicazioni dei tempi necessari per tutelarla al meglio”.

    Al Paese – conclude il Cardinale Bassetti – voglio assicurare la vicinanza della Chiesa: ne sono segno e testimonianza le innumerevoli opere di carità a cui le nostre Diocesi e Parrocchie hanno saputo dar vita anche in questo difficile periodo; ne è segno pure la preghiera che, anche in forme nuove, si è intensificata a intercessione per tutti: le famiglie, quanti sono preoccupati per il lavoro, gli ammalati e quanti li assistono, i defunti”.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. Il Vescovo emana le indicazioni per la celebrazione dei funerali

    Il Vescovo, ha emanato oggi, il Decreto che regolamenta le celebrazioni funebri in tutto il territorio della Diocesi di Tortona.

    Ecco il testo del Decreto.

    ***

    Il DPCM del 26 aprile 2020, all’art. 1, comma 1, lettera i) prevede che a decorrere dal 4 maggio 2020 “sono consentite le cerimonie funebri con l’esclusiva partecipazione di congiunti e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando protezioni delle vie respiratorie e rispettando rigorosamente la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.

    A seguito di tale decreto la Segreteria Generale della CEI ha posto al Ministero dell’Interno un quesito concernente la celebrazione esequiale. Alla risposta da parte del Ministero, la Segreteria Generale della CEI ha fatto seguire una Nota complementare indicando alcune misure alle quali ottemperare con cura nel rispetto della normativa sanitaria.

    In osservanza delle suddette normative, dispongo per tutto il territorio della Diocesi di Tortona fino a nuove normative le seguenti indicazioni pastorali per la celebrazione dei funerali.

    1. Luogo della celebrazione

    I funerali vengano celebrati al cimitero, non essendo possibile radunarsi in due luoghi distinti (prima in chiesa e poi al cimitero) come indicato dal Ministero dell’Interno. Si preferisca rimanere all’aperto anche in presenza di una cappella cimiteriale.

    2. Due riti possibili

    2.1. Esequie nella Liturgia della Parola (senza la S. Messa)

    Ritengo che questa forma sia, nelle attuali condizioni, da preferire.

    Ci si attenga a quanto prevede il Rito delle Esequie (2011) – ricordo che questo rituale è obbligatorio dal 2012 – al cap. IV, pagg. 129-148. Di seguito ricordo la sequenza rituale:

    ? RITI INIZIALI: canto e orazione

    ? LITURGIA DELLA PAROLA: proclamazione della Parola, breve omelia, professione di fede (se non viene fatta al sepolcro), preghiera dei fedeli.

    ? ULTIMA RACCOMANDAZIONE E COMMIATO: invito alla preghiera, aspersione, incensazione, orazione.

    ? BENEDIZIONE DEL SEPOLCRO: professione di fede (se non fatta dopo l’omelia), orazione e aspersione del sepolcro; benedizione e congedo.

    Il rito non prevede la distribuzione della Santa Comunione.

    La Liturgia della Parola è momento significativo del suffragio, è annuncio della Risurrezione del Signore ed espressione umana del cordoglio cristiano.

    Pur nella raccomandata brevità della celebrazione, si abbia cura di fare in modo che “i riti splendano per nobile semplicità” (Sacrosanctum Concilium, n. 34).

    Si indossino sempre i paramenti liturgici previsti (camice, o cotta, e stola del colore esequiale con l’eventuale aggiunta del piviale, cfr. Rito delle Esequie, n.100).

    Si abbia cura che i fedeli possano facilmente ascoltare, procurandosi una semplice amplificazione.

    Si ricordi che questa modalità rituale ha valore di suffragio per i defunti, come pure le elemosine, le indulgenze e le opere di penitenza (cfr. CCC n. 958; n. 1032).

    Per non privare i defunti del particolare suffragio del Sacrificio eucaristico (cfr. CCC n. 1371), si stabilisca di celebrare la S. Messa in parrocchia appena sarà possibile.

    2.2. Esequie nella S. Messa

    È possibile celebrare la S. Messa, sempre al cimitero, laddove vi siano le condizioni opportune per una agevole e dignitosa celebrazione.

    L’esperienza della visita pastorale mi dice che raramente le cappelle cimiteriali risultano essere idonee alla celebrazione esequiale, sia dal punto di vista liturgico sia rispetto alle attuali normative sanitarie.

    3. Norme sanitarie per il contenimento del contagio

    A tutti ricordo che in questo momento è necessaria molta prudenza: il territorio piemontese e lombardo della nostra Diocesi continua ad essere tra i più colpiti. L’insofferenza e la non osservanza delle norme è mancanza di attenzione verso gli altri e verso se stessi. Tutti desideriamo tornare presto a poterci radunare come assemblea: proprio per questo motivo osserviamo con attenzione quanto disposto. In questa materia le opinioni personali restano tali e non possono in nessun modo diventare indicazioni in contrasto con la normativa qui esposta.

    Le norme che seguono devono essere osservate per entrambe le forme rituali sopra indicate, con alcune specifiche attenzioni per la celebrazione eucaristica.

    3.1. Si può celebrare con un massimo di 15 persone: questa norma va comunicata anticipatamente ai familiari anche avvalendosi della collaborazione delle imprese funebri – che ringraziamo – per evitare spiacevoli discussioni al momento delle esequie.

    3.2. Deve essere osservata la distanza tra le persone di almeno un metro. Tutti, celebrante compreso, devono indossare le mascherine, avendo cura di coprirsi adeguatamente naso e bocca.

    3.3. Si preferisca rimanere all’aperto nell’area cimiteriale. Qualora si scegliesse di utilizzare la cappella del cimitero occorre che lo spazio sia sufficiente per garantire il distanziamento tra le persone e che il luogo sia previamente sanificato (vedi in allegato le raccomandazioni circa la sanificazione dei luoghi di culto, degli arredi e dei corredi liturgici del Ministero dei Beni culturali). Quasi sempre le cappelle cimiteriali risultano di proprietà comunale: in tal caso si richieda all’amministrazione comunale l’intervento di sanificazione.

    3.4. Qualora si scelga di celebrare le esequie nella Messa, si seguano con attenzione le seguenti norme:

    a. il celebrante si lavi le mani (utilizzando acqua con igienizzante oppure con disinfettante) prima della Messa per preparare i vasi sacri e prima di distribuire laSanta Comunione, in modo che il gesto sia visto dai partecipanti;

    b. le particole per i fedeli siano in una pisside a parte: pisside, patena e calice restino sempre coperti;

    c. sarà il celebrante a recarsi ai fedeli per distribuire la Santa Comunione, al fine di poter garantire il mantenimento delle distanze di sicurezza.

    d. la Santa Comunione venga data sulle mani, avendo cura di non toccare le mani dei fedeli;

    e. si ometta lo scambio della pace e si ricordi di evitare nel porgere le condoglianze strette di mano e abbracci.

    3.4. La nota complementare della CEI al testo del Ministero dell’Interno prevede quanto segue: «Prima dell’accesso in chiesa dei partecipanti alle esequie funebri, sia garantita da un addetto alla sicurezza la misurazione della temperatura corporea, attraverso un termometro digitale o un termo-scanner. Questa disposizione è richiesta anche per le celebrazioni all’aperto. Venga bloccato l’accesso a chi risulti avere una temperatura corporea superiore ai 37,5°C».

    Questa norma è oggettivamente di difficile osservanza: suggerisco che ci si confronti con le amministrazioni locali e con le imprese funebri per cercare le possibili soluzioni. Possiamo certamente ricordare a tutti i fedeli l’obbligo di rimanere a casa in presenza di temperatura corporea oltre i 37,5°C o di altri sintomi influenzali e raccomandare di non partecipare alle celebrazioni esequiali se sono presenti sintomi di influenza o vi è stato contatto con persone positive al virus nei giorni precedenti. Con la certezza che “Egli prendendo su di sé la nostra morte ci ha liberati dalla morte e sacrificando la sua vita ci ha aperto il passaggio alla vita immortale” (Messale Romano, Prefazio dei defunti II), vi assicuro il mio ricordo all’altare del Signore.

    Tortona, dal Palazzo Vescovile,

    1 maggio 2020.

    (Leggi tutto...)
    Tortona. Le parrocchie organizzano il "Mese di Maria in famiglia"

    L'emergenza sanitaria legata al coronavirus costringe la Chiesa a non celebrare ancora pubblicamente. Per questo motivo le Parrocchie di Tortona hanno deciso di spostare il mese mariano online dal titolo "Il mese di Maria in famiglia".

    Ogni giorno verrà pubblicata sui social una riflessione ad opera di parroci o laici delle comunità parrocchiali seguita da del materiale audio che tutti possono inviare come, ad esempio, la recita di preghiere o di letture. Si possono anche inviare disegni di bambini. Il materiale ricevuto verrà pubblicato in forma anonima.

    I contibuti devono essere compresi tra i 3 ed i 5 minuti e si possono inviare tramite:

    Il messaggio del primo giorno sarà quello di Mons. Vittorio Francesco Viola, Vescovo di Tortona. Quello del secondo giorno, invece, spetterà a Don Claudio Baldi, parroco del Duomo di Tortona.

    (Leggi tutto...)
    La Conferenza Episcopale Ligure conferma le restrizioni. Fino al 3 maggio Messe a porte chiuse ma si potrà andare a pregare in Chiesa

    Fino al 3 maggio le Sante Messe saranno senza concorso di popolo. Lo ha confermato la Conferenza Episcopale Ligure in linea con le restrizioni attive a livello nazionale fino a quella data.

    I Vescovi in un comunicato hanno anche specificato che le viene esteso a tutte le celebrazioni quanto già concesso negli Orientamenti del 25 marzo per le celebrazioni della Settimana Santa, secondo cui “per un minimo di dignità alla celebrazione accanto al Celebrante sia assicurata la partecipazione di un diacono, di chi serve all’altare, oltre che di un lettore, un cantore, un organista ed, eventualmente, due operatori per la trasmissione”.

    Bisogna, altresì, ricordare che i fedeli possono andare in Chiesa per pregare e che le Chiese sono tutte regolarmente aperte purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore ad un metro. E’ possibile raggiungere il luogo di culto più vicino a casa, intendendo tale spostamento per quanto possibile nella prossimità della propria abitazione.

    Per quanto riguarda le prime Comunioni e le Cresime i Vescovi hanno disposto che riprenderanno a settembre.

    (Leggi tutto...)
    Questa sera la Via Lucis, domani il canto dell'Akathistos

    Terminato il tempo di Quaresima la Chiesa celebra la risurrezione di Gesù. Uno dei pii esercizi di questo tempo è la Via Lucis. In essa si ricorda tutto ciò che è avvenuto dalla risurrezione di Gesù alla Pentecoste.

    Scrive la Congregazione per il Culto Divino nel Direttorio su Pietà popolare e Liturgia: «Attraverso il pio esercizio della Via Lucis, i fedeli ricordano l’evento centrale della fede – la Risurrezione di Cristo – e la loro condizione di discepoli che nel Battesimo, sacramento pasquale, sono passati dalle tenebre del peccato alla luce della grazia».

    Come la Via Crucis, anche la Via Lucis è formata da 14 stazioni. Ognuna di queste è formata da un passo evangelico e da una meditazione.

    Il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, presiederà il pio esercizio della Via Lucis questa sera alle ore 21:00 in diretta dalla Cappella dell'Episcopio di Tortona.

    Domani, sabato, il Vescovo alle ore 8:00 presiederà la Santa Messa.

    Alla sera, sempre alle ore 21:00, in diretta dalla Cappella dell'Episcopio il Vescovo presiederà il canto dell'Akathistos, l’antico inno del V secolo alla Madre di Dio che si ascolta e si canta in piedi: una preghiera cantata in onore alla bellezza di Maria, che è inizio del mondo nuovo, l’annuncio del Giorno che sta per nascere: il Giorno, di cui lei è l’aurora, è Cristo.

    Una preghiera a cui Mons. Viola è molto legato. È stata, infatti, cantata alla Porziuncola durante la veglia di preghiera che si è tenuta la sera prima della sua ordinazione episcopale ad Assisi.

    Tutte le Celebrazioni, come di consueto, saranno visibili su www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it e saranno trasmesse in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Lutto in Diocesi: è deceduto don Enrico Bernuzzi. L'annuncio del Vescovo

    All’alba di questa mattina, lunedì dell’Angelo, il Signore ha chiamato a sé il suo sacerdote don Enrico Bernuzzi.
    Il Vescovo Vittorio e il presbiterio, le comunità di Stradella e di Voghera, la Diocesi tutta, insieme ai suoi genitori, Riccardo e Angela, alla sorella Silvia, lo piangono.
    Era nato a Stradella il 10 giugno 1973 ed era stato ordinato presbitero da S.E. Mons. Martino Canessa il 4 giugno 2006. Ha esercitato il suo ministero nelle parrocchie di Voghera ed era referente in Diocesi per la pastorale vocazionale e il seminario.
    La luce della Pasqua del Signore, nella quale ora don Enrico è immerso, illumini il nostro dolore.

    (Leggi tutto...)
    Dopo un'intera giornata senza Celebrazioni, questa sera in Cattedrale la Veglia Pasquale

    Il Sabato Santo per la Chiesa è un giorno a-liturgico. Non viene, infatti, celebrata alcuna liturgia in attesa della grande Veglia Paquale di questa sera in cui si celebra la resurrezione di Gesù.

    In Cattedrale il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, presiederà la Veglia Pasquale nella Notte Santa alle ore 21. La Celebrazione sarà, ovviamente, a porte chiuse e verrà trasmessa sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it. Si potrà seguire la Veglia anche in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming tramite l'app di RadioPNR.

    Domani il Vescovo prediederà in Cattedrale il solenne Pontificale di Pasqua alle ore 9:30. La Celebrazione, oltre che sui consueti mezzi, potrà essere vista in TV su Telecupole sul digitale terrestre (canale 15), sulla piattaforma Sky (canale 824), e su TivùSAT (canale 422).

    Al pomeriggio, infine, dalla Basilica della Madonna della Guardia alle ore 17:00 il Vescovo presiederà il canto del Regina Cœli.

    (Leggi tutto...)
    Venerdì Santo. Oggi l'Azione Liturgica e la Via Crucis lungo le strade di Tortona

    Secondo giorno del Triduo Pasquale. Oggi è la giornata in cui la Chiesa non celebra l'Eucarestia che, però, viene sostituita dall'Azione Liturgica delle ore 15. In Cattedrale il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, in essa ricorderà, con la lettura della Passione secondo Giovanni, la crocifissione, morte e deposizione di Gesù, quindi ha luogo l’adorazione della Croce ed, infine, seguono i Riti di Comunione. Particolarità di questa Celebrazione è che non ha luogo la preghiera dei fedeli, sostituita con la Preghiera Universale.

    Al termine di questa celebrazione in Chiesa non sarà più custodito il Santissimo Sacramento in attesa della grande Veglia Pasquale in cui, finalmente, verrà celebrata nuovamente l'Eucarestia.

    Alle ore 19, poi, il Vescovo presiederà la Via Crucis, senza fedeli al seguito che saranno rappresentati dal Sindaco di Tortona Federico Chiodi, lungo le strade del centro cittadino con partenza dalla Cattedrale per giungere fino nei pressi della Basilica della Madonna della Guardia.

    La settima stazione sarà nei pressi dell'osepdale cittadino, duramente provato in questo periodo di emergenza sanitaria. 

    Il Vescovo porterà la reliquia della Santa Croce custodita nella Chiesa Cattedrale per le vie di Tortona, dalla Chiesa Cattedrale alla Basilica della Madonna della Guardia, passando per Via Emilia e Corso Don Orione.

    Entrambe le celebrazioni saranno trasmesse in video su www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it oppure in FM su RadioPNR 96.400 ed in streaming audio tramite l'app di RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Domani inizia il Triduo Pasquale. Tutte le celebrazioni del Vescovo in diretta su RadioPNR

    Con la Messa in Cœna Domini di domani sera alle 21 inizierà il solenne Triduo Pasquale. Esso è il momento più importante dell'anno per tutti i Cristiani perché nel Triduo è racchiuso il cuore e l'essenza di tutta la fede.

    Quest'anno, purtroppo, l'emergenza sanitaria che stiamo vivendo obbliga tutti a rimanere in casa e non si potrà partecipare alle Celebrazioni. Anzi, all'unica Celebrazione. La Messa in Cœna Domini, infatti, non termina con l’ite missa est, bensì in silenzio. L’Azione Liturgica del venerdì (nota ai fedeli come la Celebrazione della Passione) non comincia con l’usuale saluto e con il Segno della Croce e termina anch’essa senza saluto, in silenzio. Infine, il sabato dopo il tramonto, dopo un'intera giornata priva di liturgie, c'è la solenne Veglia che comincia in silenzio e termina, finalmente, con il saluto finale. Il Triduo Pasquale costituisce, pertanto, un’unica solennità, la più importante di tutto l’Anno liturgico cattolico. Dal Gloria della Messa del Giovedì a quello della Veglia le campane devono stare in liturgico silenzio. Anticamente anche gli strumenti musicali dovevano tacere il Venerdì e il Sabato Santo, fino alla Veglia Pasquale, per meglio esprimere il senso penitenziale proprio di questi giorni.

    Proprio l'emergenza sanitaria legata al coronavirus, però, ha costretto la Chiesa a celebrare il Triduo a porte chiuse. 

    Domani alle 21 in Cattedrale a Tortona il Vescovo, Mons. Vittorio Francesco Viola, presiederà la Messa in Cœna Domini. La Celebrazione, come pure tutte quelle dei giorni seguenti, sarà in diretta video sui siti www.radiopnr.it, www.diocesitortona.it e www.ilpopolotortona.it e sarà seguibile anche in FM su RadioPNR 96.400 oppure in streaming tramite l'app di RadioPNR.

    Alla Messa in Cœna Domini parteciperanno i sindaci di Tortona, Federico Chiodi, di Novi Ligure, Gian Paolo Cabella, e di Voghera, Carlo Barbieri.

    Venerdì il Vescovo presiederà l'Azione Liturgica alle ore 15. In essa si ricorda, con la lettura della Passione secondo Giovanni, la crocifissione, morte e deposizione di Gesù, quindi ha luogo l’adorazione della Croce ed, infine, seguono i Riti di Comunione. Particolarità di questa Celebrazione è che non ha luogo la preghiera dei fedeli, sostituita con la Preghiera Universale.

    Alle ore 19, poi, il Vescovo presiederà la Via Crucis, senza fedeli al seguito, lungo le strade del centro cittadino con partenza dalla Cattedrale per giungere fino nei pressi della Basilica della Madonna della Guardia.

    Al sabato, come detto, non ci saranno Celebrazioni fino al tramonto. Alle 21, sempre in Cattedrale, il Vescovo presiederà la solenne Veglia Pasquale nella Notte Santa, che S. Agostino definiva "la madre di tutte le Veglie". Dopo la benedizione del fuoco ed il canto dell'exultet ha luogo la lettura dei brani delle Scritture. Tra i brani dell'Antico Testamento e quelli del Nuovo Testamento c'è, finalmente, il canto del Gloria, segno che Gesù è risorto dai morti. Ha poi luogo la benedizione dell'acqua lustrale quindi la celebrazione prosegue nel modo consueto di tutte le Messe.

    Domenica mattina, infine, alle 9:30 in Cattedrale il Vescovo presiederà il solenne Pontificale del giorno di Pasqua

    (Leggi tutto...)
    Coronavirus, oggi l'annuncio della venerazione straordinaria della Sindone per il Triduo Pasquale

    AGGIORNAMENTO ORE 12:05

    Sabato 11 aprile alle ore 17 si potrà "pregare davanti alla Sindone" ha detto Mons. Cesare Nosiglia. "Presiederò - continua il Custode pontificio del Sacro Telo - una lunga preghiera davanti alla Sindone. Grazie alla televisione ed ai social il mondo intero sarà visibile al mondo intero l'immagine del Sacro Telo. L'amore con cui Gesù ci ha donato la sua vita e che celebriamo durante la Settimana Santa è più forte di ogni malattia e di ogni sofferenza. Vi attendo sabato prossimo per elevare a Dio, attraverso la contemplazione della Sindone, una corale preghiera insieme a suo figlio Gesù, nostro fratello e salvatore".

    NOTIZIA

    Verrà annunicata fra poco dall'Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia la venerazione straordinaria della Sindone in occasione del Triduo Pasquale. 

    Alle 12 il Custode pontificio del Sacro Telo che ha avvolto nel sepolcro il corpo di Gesù annuncerà via Internet l'ostensione straordinaria a cui da giorni sta lavorando con il Vaticano.

    La venerazione avverrà durante il Triduo Pasquale e sarà in diretta TV e in streaming.

    (Leggi tutto...)
    Domani inizia la Settimana Santa. Tutte le celebrazioni in diretta su RadioPNR

    Inizia domani, con la Santa Messa della Domenica delle Palme, la Settimana Santa che ci porterà domenica prossima alla celebrazione della Santa Pasqua, fonte e culmine dell'anno liturgico. Sarà una Settimana Santa molto diversa dal solito perché tutte le celebrazioni, a causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus, saranno senza concorso di popolo.

    Proprio perchè le celebrazioni saranno "a porte chiuse" vi sarà una distinzione tra le Chiese Cattedrali e le Chiese Parrocchiali così come indicato dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti il 25 marzo 2020 e dagli Orientamenti per la Settimana Santa della Presidenza della CEI del 25 marzo 2020.

    Partiamo dalla Celebrazione in Cattedrale. Prima dell'inizio della Santa Messa vi sarà la benedizione dei rami di palma e di ulivo seguita dalla lettura del brano del Vangelo con la commemorazione dell'ingresso di Gesù a Gerusalemme ed infine dalla processione delle palme all'interno della Chiesa dopo di che la Santa Messa proseguirà nel modo consueto tralasciando i riti di introduzione così come previsto dalla II formula del Messale Romano.

    La benedizione impartita dal Vescovo raggiungerà i fedeli ovunque si trovino ed eventualmente i rami di ulivo che avranno con sé nelle loro case.

    In tutte le altre Chiese, invece, verrà utilizzata la III formula del Messale Romano che prevede solo la Santa Messa senza la benedizione dei rami di palma o di ulivo e senza la processione.

    RadioPNR trasmetterà in diretta streaming su questo sito ed in FM 96.4 la Celebrazione (così come tutte quelle del Triduo Pasquale) presieduta dal Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, in Cattedrale a partire dalle 9:30. Il video della Celebrazione verrà ritrasmesso anche sul sito internet della Diocesi ed anche sul sito de Il Popolo.

    (Leggi tutto...)
    Tortona e diocesi: come si svolgeranno le celebrazioni delle Palme e della Settimana Santa

    Questa sarà una Settimana Santa particolare. Così come già fatto in Vaticano, seguendo le indicazioni date da Roma e dalla CEI, Considerati il Decreto in tempo di Covid-19 (II) della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti (25 marzo 2020) e gli Orientamenti per la Settimana Santa della Presidenza della CEI (25 marzo 2020), anche il,nostro Vescovo ha dato disposizioni per le varie celebrazioni.

    Prima indicazione del Vescovo: tutti i riti saranno celebrati "senza popolo", ma i luoghi nei quali si celebreranno saranno la Cattedrale e tutte le Chiese parrocchiali (ove ci siano delle Comunità pastorali attive, in una delle sue Chiese) e nelle comunità religiose (dove presta servizio stabilmente un cappellano).

    Inoltre ricordiamo che tutte le Celebraizoni saranno trasmesse in streaming video/audio e in Radio (96.400 e streaming audio) attraverso i consueti canali.

    Si inizierà la Domenica delle Palme: ci sarà una distinzione tra la Cattedrale e le Chiese parrocchiali. In Cattedrale (ove le celebrazioni saranno trasmesse in streaming e in Radio) si celebrerà con la seconda forma prevista dal Messale Romano (MR pag. 120), ovvero la Celebrazione eucaristica preceduta dalla commemorazione dell'ingresso di Gesù Cristo in Gerusalemme (processione delle palmen dentro la Chiesa).

    Nelle Chiese parrocchiali invece ci sarà solo la Santa Messa, senza ogni tipo di processione e quindi anche senza la benedizione delle palme e degli ulivi.

    La benedizione impartita dal Vescovo raggiungerà i fedeli ovunque si trovino ed eventualmente i rami di ulivo che avranno con sé nelle loro case.

    Orario delle celebrazioni video/audio-trasmesse: Chiesa Cattedrale: ore 09.30

    Basilica di San Pietro: ore 11.00

    La Messa Crismale, normalmente celebrata dai sacerdoti alla mattina del Giovedì Santo, viene trasferita ad altra data che verrà indicata dal Consiglio Episcopale Permanente per tutte le diocesi, in sintonia con la decisione che il Santo Padre, Primate d’Italia, adotterà per la Diocesi di Roma.

    Il Giovedì Santo, se celebra normalmente la S. Messa In Coena Domini, omettendo la lavanda dei piedi e la processione al termine della celebrazione: il Santissimo Sacramento viene riposto nel Tabernacolo. Non verrà fatto nelle Chiese l'altare della reposizione.

    Il Sacerdote, assicurerà un tempo di adorazione eucaristica in rappresentanza di tutta la Comunità.

    Orario delle celebrazioni video-trasmesse: Basilica di San Pietro: ore 18.00

    Chiesa Cattedrale: ore 21.00

    Il Venerdì Santo si celebrerà normalmente (ma sempre senza concorso di popolo) la Passione del Signore, alla quale verrà aggiunta una speciale preghiera per le persone sofferenti a causa della pandemia.

    Orario delle celebrazioni video-trasmesse: Chiesa Cattedrale:

    Passione del Signore: ore 15; Via Crucis ore 19

    Basilica di S. Pietro:

    Passione del Signore: ore 18; Via Crucis ore 21

    La Veglia Pasquale si svolgerà secondo le normali disposizioni (ma sempre senza concorso di popolo), e verrà trasmessa dalla Cattedrale alle ore 21. Solo alcune parti della celebrazioni verranno omesse così come indicato nel Decreto pubblicato dal Vescovo.

    Per quanto riguarda il giorno di Pasqua, ci si regola come in queste ultime domeniche. È auspicabile che in questo giorno, sempre nel rispetto delle norme igienico-sanitarie indicate dal Governo, si celebri una sola Eucaristia nelle unità pastorali.

    La celbrazione in Cattedrale sarà alle ore 9.30 e verrà trasmessa attraverso i media diocesani.

    Una segnalazione importante riguarda il fatto che le Chiese, così come avvenuto fino ad ora saranno aperte ed i sacerdoti disponibili (fermo restando il rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie) alle Confessioni. Sempre nel Decreto il Vescovo fornisce utili indicazioni anche per questo.

    Il Vescovo ha inoltre dato ulteriori suggerimenti che sono contenuti nel Decreto che potete leggere QUI

     

     

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. E' deceduto don Giacomo Buscaglia.

    E' decetuo questa notte presso l'ospedale di Voghera, don Giacomo Buscaglia. Ne dà l'annuncio il Vescovo in questo comunicato che riportiamo.

    Ci raggiunge la triste notizie della morte di don Giacomo Buscaglia avvenuta questa notte presso l’Ospedale di Voghera. La salma verrà tumulata nel Cimitero di Torrazza Coste in forma strettamente privata. Appena sarà possibile celebreremo la Santa Messa di esequie insieme ai molti che lo hanno conosciuto, stimato ed amato. La Santa Messa che questa sera celebrerò alle 18,30 nella Cappella dell’Episcopio, che verrà come ogni sera trasmessa in streaming, sarà a suffragio del caro don Giacomo. 

    Il Signore lo ricompensi del bene prezioso del suo ministero.

    + Vittorio Francesco Viola

    Vescovo

    (Leggi tutto...)
    Chiesa italiana: un sito per condividere prassi, materiale e notizie tra le diocesi.

    In questo tempo di prova e di difficoltà per tutti, la Chiesa che è in Italia vuole dare segni di speranza e di costruzione del futuro. A partire dal presente.

    È da oggi on line https://chiciseparera.chiesacattolica.it, ambiente digitale che raccoglie e rilancia le buone prassi messe in atto dalle nostre diocesi, offre contributi di riflessione e approfondimento, condivide notizie e materiale pastorale.

    Un’iniziativa, promossa dalla Segreteria Generale della Cei, per testimoniare ancora e sempre l’impegno della Chiesa che vive in Italia nel continuare a tessere i fili delle nostre comunità. La convinzione che ci guida è che le criticità, lo smarrimento, la paura non possano spezzare il filo della fede, ma annodarlo ancora di più in speranza e carità.

    Chiciseparera.chiesacattolica.it vuole essere anche un punto di riferimento per riscoprire un senso di appartenenza più profondo.

    Il nome stesso “Chi ci separerà?” (Rm 8,35) indica un percorso impegnativo: la certezza che, pur circondati da una minaccia, niente potrà mai separarci da quell’Amore che ci unisce, perché figli e fratelli, e ci rende comunità. In questo senso bisogna osare, mettersi in cammino e non fermarsi.

    Il sito appena pubblicato intende guardare oltre il tempo presente. E quell’oltre non può che essere anche la qualità di una comunicazione pensata e che faccia pensare. È l’orizzonte a cui tendere.

    (Leggi tutto...)
    Tortona. La Diocesi fornisce le indicazioni per i funerali

    In ottemperanza al DPCM di oggi, Mons. Vittorio Francesco Viola, Vescovo di Tortona, ha disposto la sospensione dei funerali e delle veglie funebri nell’intero territorio diocesano.

    Questa disposizione, però, non toglie al defunto la possibilità di un breve rito di benedizione della salma al sepolcro che dovrà essere fatto in forma strettamente privata.

    Si sospendano le veglie funebri (S. Rosario) e i funerali - scrive il Vescovo di Tortona nel comunicato di questa sera -. I presbiteri o i diaconi possono svolgere al cimitero un breve rito di benedizione della salma e del sepolcro, in forma strettamente privata, con la sola presenza dei familiari del defunto, sempre mantenendo una distanza interpersonale di almeno 1 metro. Qualora venga accolta al cimitero un’urna cineraria si usino le preghiere previste dal rituale (pag. 239-246) per la sua deposizione. Quando sarà possibile verrà celebrata l’Eucaristia di suffragio”.

    Questa disposizione rimarrà valida fino al 3 aprile, giorno in cui cesserà la validità del DPCM.

    (Leggi tutto...)
    Tortona. In Cattedrale la preghiera non si ferma. Anche a servizio della Diocesi ancora senza Messa con il popolo.

    Ci sono ancora zone della nostra Diocesi, ovvero le parrocchie lombarde, che per le disposizioni civili alle quali i Vescovi della lombardia si sono adeguati (e con essi anche il nostro Vescovo - pur appartenendo la Diocesi di Tortona alla Regione ecclesiastica ligure), sono senza Messa.

    Per continuare a vivere la fede nella chiesa, che la Diocesi manifesta sul territorio, la preghiera è fondamentale, ed anche la sua dimensione comunitaria.

    Anche per questo, la Diocesi offre la possibilità di pregare insieme al Vescvo Vittorio Francesco Viola, seguendo le dirette offerte dalla Cattedrale.

    Un servizio non solo per le parrocchie lombarde ancora senza Messa con il popolo, ma per tutti. Considerate anche le stringenti norme igienico-sanitarie alle quale è doveroso attenersi, la proposta di preghiera in streaming può permettere a tutti di godere di un momento spirituale.

    Questa sera, martedì e giovedì si reciterà alle ore 21 il Santo Rosario. Domani, mercoledì sarà invece trasmessa la Catechesi quaresimale. Venerdì, invece, come da tradizione, la Via Crucis.

    Sabato, infine, verrà ancora recitato il Santo Rosario, sempre alle ore 21. Le celebrazioni saranno trasmesse dai siti diocesani ovvero www.diocesitortona.it, www.radiopnr.it, e www.ilpopolotortona.it.

     

    (Leggi tutto...)
    Tortona. La Festa di San Marziano rinviata a data da destinarsi. Il comunicato del Vescovo.

    "In considerazione della situazione, avendo consultato anche il Sindaco di Tortona, dott. Federico Chiodi, ho ritenuto di dover trasferire ad altra data l’annuale festa di san Marziano (6 marzo), unitamente al suo Triduo di preparazione e all’incontro del Clero. Prossimamente, seguendo l’evolversi della situazione, verrà comunicato il giorno nel quale potremo festeggiare insieme il nostro Patrono."

    Con queste parole il Vescovo di Tortona annuncia lo spostamento delle festività legate a San Marziano, Patrono della Diocesi.

    Insieme dà le disposizioni a TUTTA LA DIOCESI in relazione alla situazione sanitaria. Ecco il comunicato del 

    L’estensione del territorio della nostra Diocesi – pur appartenente alla Conferenza Episcopale Ligure – su tre Regioni amministrative, ci impone di confrontarci con le diverse disposizioni date dalle singole Autorità regionali.

    Visto il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 1 marzo 2020 (Gazzetta Ufficiale 161, n. 52) e le Ordinanze emanate dai Presidenti delle Regioni Piemonte, Lombardia e Liguria;

    tenendo presenti le disposizioni delle singole Conferenze Episcopali Regionali,

    dispongo

    per quanto attiene al territorio della Diocesi di Tortona i seguenti provvedimenti.

    Per il territorio ligure della Diocesi di Tortona

    cfr. Comunicato della Conferenza Episcopale Ligure, 1 marzo 2020

    1. Si riprendano le Celebrazioni eucaristiche, degli altri Sacramenti e dei funerali con concorso di popolo.

    2. Nei locali e nelle opere parrocchiali si riprendano incontri, iniziative, riunioni e l’attività catechistica.

    3. Può essere ripresa la Benedizione delle Famiglie.

    Per il territorio piemontese della Diocesi di Tortona

    cfr. Comunicato della Conferenza Episcopale Piemontese, 2 marzo 2020

    1. Si riprendano le Celebrazioni eucaristiche, degli altri sacramenti e dei funerali con concorso di popolo, seguendo le norme di contingentazione indicate dalle Autorità civili. Occorre, dunque, osservare quanto stabilito per la Regione Piemonte dal Coordinatore dell’Unità di Crisi (Ulteriori chiarimenti applicativi, 29.02.2020, prot. n. 9913): «1) in riferimento alla sospensione degli eventi di natura religiosa si specifica che le ordinarie funzioni religiose possono svolgersi con il vincolo che siano evitati gli assembramenti, sia garantito un accesso contingentato tale da determinare una distanza di almeno un metro tra i fedeli presenti all’interno dello stesso luogo di culto».

    2. In concomitanza della riapertura delle Scuole, si possono riprendere tutte le altre attività ordinarie (catechismi, oratori, ecc.).

    Per il territorio lombardo della Diocesi di Tortona

    cfr. Comunicato della Conferenza Episcopale Lombarda, 2 marzo 2020

    Ci si attenga a quanto stabilito dalla Conferenza Episcopale Lombarda (2 marzo 2020):

    «Considerata la comunicazione odierna della CEI – che interpretando il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, invita a non celebrare le Sante Messe feriali con il popolo – chiediamo ai sacerdoti, alla luce della delicata situazione sanitaria e delle richieste delle autorità competenti, di continuare a celebrare le Sante Messe feriali senza la partecipazione dei fedeli sino a sabato 7 marzo.

    Ci riserviamo di dare altre indicazioni, entro venerdì 6 marzo, alla luce di ulteriori sviluppi e delle decisioni delle istituzioni.

    Le chiese continuino a restare aperte, nel rispetto delle norme del Decreto, per la preghiera.

    Consapevoli della sofferenza e del disagio arrecato dalla situazione, in ordine ai nostri oratori, assunto il parere degli organismi pastorali preposti, sono sospese fino all’8 marzo compreso tutte le attività formative aggregative e sportive. È disposta la chiusura degli spazi aperti al pubblico. Fino a domenica 8 marzo compresa le iniziative e gli incontri presso altri ambienti parrocchiali restano sospesi.

    Confidiamo che le misure di rigore alle quali aderiamo per senso di responsabilità a tutela della salute pubblica siano condivise da tutte le istituzioni ecclesiali e civili e accolte in ogni ambito in modo corale».

    Mentre ringrazio tutte le comunità parrocchiali per la collaborazione, invito al rispetto delle norme igienico-sanitarie stabilite dall’autorità competente. In particolare, si distribuisca la Santa Comunione solo nelle mani dei fedeli, si eviti lo scambio del segno della pace e si lascino vuote le acquasantiere.

    In considerazione della situazione, avendo consultato anche il Sindaco di Tortona, dott. Federico Chiodi, ho ritenuto di dover trasferire ad altra data l’annuale festa di san Marziano (6 marzo), unitamente al suo Triduo di preparazione e all’incontro del Clero. Prossimamente, seguendo l’evolversi della situazione, verrà comunicato il giorno nel quale potremo festeggiare insieme il nostro Patrono.

    In questo tempo di Quaresima, rinnovo di cuore la preghiera affinché il Signore conceda la grazia della guarigione ai malati, consoli chi è nel pianto, faccia crescere la fraternità e sostenga quanti operano per il bene comune.

    Tortona, dal Palazzo Vescovile,

    2 marzo 2020, ore 19.30.

    ______________________

    + Vittorio Francesco VIOLA

    (Leggi tutto...)
    Tortona. Da stasera il Vescovo celebra il Rosario via internet e Radio. Domani la Catechesi a porte chiuse.

    Il Vescovo presiederà il Rosario a porte chiuse da stasera alle 21.30 in diretta video e streaming, e domani alle 21 predicherà una Catechesi sul significato della imposizione delle Ceneri.

    Ecco il comunicato ufficiale

    ***

    Carissimi,

    le recenti disposizioni delle competenti Autorità ci impediscono di poterci radunare in assemblea per la celebrazione dell’Eucaristia e per la preghiera comunitaria. Siamo, ovviamente, tenuti, senza inutili allarmismi, ad osservare le disposizioni emanate che hanno lo scopo di fronteggiare la diffusione del virus.

    La comunità cristiana non è tuttavia privata del bene assoluto dell’Eucaristia: ho invitato tutti i presbiteri a celebrare quotidianamente – a porte chiuse e senza la presenza del popolo – la Santa Messa, in spirituale comunione con tutti i fedeli, per implorare dal Signore la liberazione da ogni male. Inoltre, le nostre chiese sono aperte per la preghiera e l’adorazione personale del Santissimo Sacramento.

    Per poter sentire e vivere la comunione che ci unisce, desidero invitarvi a partecipare attraverso internet ad un momento quotidiano di preghiera.

    Ogni sera, a cominciare da oggi, 25 febbraio 2020, alle ore 21.00, dalla Cattedrale di Tortona, a porte chiuse, presiederò la recita del santo Rosario: potremo così costituire insieme un coro orante, ciascuno dalla sua casa, ancor meglio se riuniti come famiglia, per chiedere la protezione di Dio.

    Domani sera, Mercoledì delle ceneri, sempre alle ore 21.00, verrà trasmessa una mia catechesi sul significato dell’imposizione delle ceneri, che, se non vi sarà un prolungamento dell’attuale situazione, potremo celebrare lunedì 2 marzo 2020.

    Chiedo a tutti, a cominciare dai Parroci, di diffondere questa opportunità di preghiera.

    Vi benedico con affetto.

    Tortona, dal Palazzo Vescovile, 25 febbraio 2020

    Memoria di san Luigi Versiglia,

    vescovo e martire in Cina.

     

     Vittorio Francesco Viola

    Vescovo

     

    Per la partecipazione è possibile utilizzare i seguenti canali:

    ·           In audio FM sui 96.400 di RadioPNR e in streaming tramite l’app

    ·           In video sui siti

    -       www.diocesitortona.it;

    -       www.radiopnr.it;

    -       www.ilpopolotortona.it

    ·           Sui social di RadioPNR e Il Popolo

     

    (Leggi tutto...)
    Tortona Domani sera in Cattedrale la lettura del Vangelo di Matteo

    Domani sera, dalle 20.30 a Tortona presso la Cattedrale, si terrà la lettura continua dell'interno vangelo di Matteo.

    La lettura, proposta da un gruppo nutrito di Lettori della Diocesi, sarà iniziata da Mons. Vittorio Francesco Viola, Vescovo di Tortona. Questo importante evento, che unisce tutte le Diocesi del mondo, è stato proposto da Papa Francesco nel contesto della Domenica della Parola, che sarà celebrata questa domenica, 26 gennaio, II del Tempo Ordinario.

    La nostra emittente seguirà l'evento con una speciale Diretta Video.

    (Leggi tutto...)
    Tortona. Oggi la penitenziale e venerdì la catechesi per i giovani con il Vescovo

    Proseguono le celebrazioni di Avvento della Diocesi di Tortona. Mentre continua la celebrazione della Novena di Natale (che RadioPNR segue proponendo ogni giorno l'audio della omelia), questa sera alle ore 21 in cattedrale l'appuntamento sarà con la Celebrazione penitenziale.

    Oltre ad una riflessione proposta dal Vescovo, il Vescovo stesso ed altri sacerdoti saranno a diposizione per le confessioni.

    Venerdì invece, alle ore 21 in cattedrale sarà la volta della Catechesi per i giovani.

    Domenica, l'invito è per famiglie e bambini per la "processione" natalizia e la benedizione dei bambini e dei bambinelli dalle ore 15 concludendo alle 17.30 con il Concerto di Natale.

    (Leggi tutto...)
    III Domenica di Avvento. La riflessione del Vescovo

    Si celebra la III Domenica del Tempo di Avvento. Proponiamo la riflessione del Vescovo Mons. Vittorio Francesco Viola.

    Il testo del Vangelo.

    Dal Vangelo secondo Matteo
    Mt 11,2-11
     
    In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».
     
    Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: "Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via".
     
    In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

    (Leggi tutto...)
    Prima domenica di Avvento: la riflessione del Vescovo. VIDEO

    Proponiamo nella celebrazione della Prima Domenica di Avvento, la riflessione di Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo proposto dalla Lituriga.

    ***

    Dal Vangelo secondo Matteo
    (Mt 24,37-44)
     
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
     
    Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

    (Leggi tutto...)
    Suor Carolina Iavazzo presenta l'evento "Educare alla legalità. Un impegno per tutti

    Venerdì 22 Novembre a Tortone presso la sala Convegni "Educare alla legalità. Un impegno per tutti" un evento a cura del Meic Oggi, su RadioPNR la abbiamo intervistata in eslcusiva.

    La testimonianza di Suor Carolina Iavazzo, collaboratrice di don Puglisi, prete antimafia ucciso nel 1993 potremo ascoltarla venerdì presso il salone della Fondazione Cr Tortona alle 21 a Tortona.

    Intanto possiamo ascoltarci l'intervista...

     

    (Leggi tutto...)
    La riflessione del Vescovo sul Vangelo di domenica 17 novembre: VIDEO

    Proponiamo la riflessione del Vescovo di Tortona Mons. Vittorio Francesco Viola, sul vangelo di domenica 17 novembre 2019, XXIII del Tempo Ordinario.

    ***

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 21,5-19
     
    In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
     
    Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
     
    Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
     
    Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
     
    Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
     
    Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. La riflessione del Vescovo sul Vangelo di domenica 10 novembre 2019

    Proponiamo la riflessione del Vescovo di Tortona Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo di domenica 10 novembre 2019, XXXII del Tempo Ordinario.

    ***

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 20,27-38
     
    In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducèi – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: «Maestro, Mosè ci ha prescritto: "Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello". C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».
     
    Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: "Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe". Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. La riflessione del Vescovo sul Vangelo di domenica 3 novembre 2019. VIDEO

    Vi proponiamo la riflessione sul Vangelo di Domenica 3 novembre 2019, del Vescovo di Tortona Mons. Vittorio Francesco Viola.

    Ecco il testo del Vangelo.

    (Lc 19,1-10)
     
    In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.
     
    Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».
     
    Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».
     
    Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

    (Leggi tutto...)
    La riflessione del Vescovo sul Vangelo della domenica

    Proponiamo la riflessione del Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo della domenica 27 ottobre 2019, XXX del Tempo Ordinario.

    ***

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 18,9-14
     
    In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:
     
    «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.
     
    Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.
     
    Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.
     
    Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

    (Leggi tutto...)
    Alluvione. 500.000 euro di danni al Centro Paolo VI di Casalnoceto.

    Il violento nubifragio che si è abbattuto sul territorio del Tortonese nella giornata e nella notte di lunedì 21 ottobre ha causato gravi danni al Centro “Paolo VI” di Casalnoceto, la struttura della Diocesi di Tortona che ospita 80 minori con disabilità psichiche.

    L’acqua ha allagato in modo irreversibile la cucina, la lavanderia e i locali tecnici che garantiscono il funzionamento del Centro. Ad una prima stima l’importo dei danni supera i 500.000 Euro.

    Molti dei pazienti ospiti del “Paolo VI” hanno decreti di allontanamento dalle famiglie e quindi non possono fare rientro nelle loro case, altri sono non deambulanti.

    “Serviranno oltre 500.000 Euro per ripristinare la cucina, i locali tecnici ed i relativi impianti distrutti dalla forza dell’acqua – dichiara don Cesare De Paoli, direttore del Centro – per non dire di tutte le derrate alimentari che abbiamo dovuto gettare. La Protezione civile di Alessandria allestirà una cucina da campo per garantire il cibo ai nostri ospiti. Ma dobbiamo subito ripartire: per questo rivolgo un appello a tutte le persone e agli amici di buona volontà perché non facciano mancare la loro solidarietà”.

    Chi vuole fare una donazione al Centro “Paolo VI” può utilizzare

    il conto corrente bancario

    Iban: IT16F0311148670000000013073

    o

    PAYPAL entrando nel sito internetwww.centropaolovi.it

    e cliccando su: SOSTIENICI

    (Leggi tutto...)
    Alluvione. Il Vescovo Viola vicino alle popolazioni coinvolte. "La speranza di risollevarci è più forte"

    Il maltempo ha messo in ginocchio tutto il territorio della nostra diocesi. Le violente ondate di pioggia caduta nella giornata e nella notte di lunedì hanno causato ingenti danni a persone e paesi: fiumi esondati, frane, sfollati, allagamenti e linee ferroviarie interrotte (riattivate martedì mattina con limitazioni di velocità). E, purtroppo, si contano anche due vittime: l’autista di un’auto a noleggio travolta dal fango a Capriata d’Orba e un pensionato di 80 anni morto in un incidente stradale nel Canavese. Sono state allagate strade ex statali e provinciali, in particolare tra Gavi e Francavilla Bisio, tra Novi Ligure (duramente flagellata) e Pozzolo Formigaro. 

    A Bosio 700 persone sono rimaste senza acqua e 500 senza elettricità. Evacuate 80 persone a Castelletto d’Orba, 40 a Gavi e 10 a Casalnoceto dove al Centro “Paolo VI” si è allagata la cucina. In Oltrepò il forte acquazzone ha creato seri problemi a Rivanazzano Terme e Godiasco - Salice Terme, Casteggio, Montebello della Battaglia, Santa Giuletta. 

    Il Vescovo Mons. Vittorio Viola martedì mattina si è subito messo in contatto con diversi sindaci della zona per avere notizie di quanto accaduto e per assicurare la sua vicinanza alle popolazioni colpite e a tutte le famiglie e le parrocchie coinvolte.

    Mons. Viola sta seguendo l’evolversi della situazione in contatto con i sindaci dei centri interessati. È tra la sua gente e assicura a tutti la sua preghiera.

    La speranza di risollevarci, ancora una volta, è più forte di qualsiasi piena.

    (Leggi tutto...)
    Voghera. Iniziata la Missione giovani. La seguiremo qui su RadioPNR. VIDEO

    Con la solenne Celebrazione Eucaristica nel Duomo di Voghera di ieri sera presieduta dal vescovo Mons. Vittorio Viola ha preso inizio la “Missione giovani”. Circa 50 tra ragazzi e missionari francescani provenienti dall’Umbria porteranno il Vangelo ai loro coetanei in modo diretto.

    “Si avverte la Grazia di Dio - ha detto il vescovo di Tortona Mons. Vittorio Viola al termine della Celebrazione -. È veramente un suono del Signore avere con noi i missionari in questi giorni. Riempiranno le strade, le nostre chiese, le scuole e tutti i luoghi dove è possibile incontrare i giovani perché questa missione è rivolta direttamente a loro. Si sente l’attesa da parte di una Chiesa che si è preparata per questo evento e lo accompagna con la preghiera”.

    “L’augurio ai giovani che iniziano la missione - ha concluso Mons. Viola -? Di essere docili, trasparenti, di lasciar passare l’amore di Dio, che è la fonte che spinge all’annuncio, per poter raggiungere il cuore dell’uomo che è assetato di Dio e del suo amore”.

    Le parole del Vescovo nel video realizzato da Luca Sturla.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. Inizia la Missione giovani. Alle 20.30 la DIRETTA VIDEO

    Inizia questa sera la Missione giovani, presso la città e le parrocchie di Voghera.

    RadioPNR seguirà l'evento diocesano, che rivese una importanza notevole soprattutto per il coinvolgimento dei giovani di Voghera e non solo, con la Diretta video della S. Messa di apertura celebrata da Mons. Vittorio Francesco Viola.

    Seguite la diretta su Radiopnr.it

    (Leggi tutto...)
    La riflessione del Vescovo sul Vangelo di domenica 6 ottobre 2019. VIDEO

    Come ogni domenica su RadioPNR proponiamo la rilfessione del Vescovo di Tortona Mons. Vittorio Viola sul vangello della Domenica. Domani si celebra la XXVII domenica del Tempo ordinario.

    Ecco il Vangelo.

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 17,5-10
     
    In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
     
    Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
     
    Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
     
    Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».

     

    (Leggi tutto...)
    VIDEO. La riflessione del Vescovo sul Vangelo della Domenica.

    Come ogni settimana proponiamo la riflessione video del Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo della Domenica.

    Questo il testo del Vangelo di oggi.

    Dal Vangelo secondo Luca
    Lc 16,1-13
     
    In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
     
    «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
     
    L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.
     
    Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
     
    Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
     
    Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
     
    Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
     
    Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

    (Leggi tutto...)
    Tortona. La Diocesi si prepara al Pellegrinaggio in Terra Santa. VIDEO

    Manca poco ormai al Pellegrinaggio in Terra Santa organizzato dalla Diocesi di Tortona.

    Un gruppo di circa 70 pellegrini, insieme al Vescovo Mons. Vittorio Viola, parteciperanno, dal 9 al 16 settembre ad un grande momento di spiritualità vivendo il pellegrinaggio nella Terra di Gesù.

    I pellegrini provengono da tutta la diocesi e si incontreranno per un momento di preparazione, non solo organizzativo, il 2 settembre alle ore 21 a Tortona, insieme al Vescovo ed ai responsabili dell'Ufficio Missionario diocesano che hanno organizzato il pellegrinaggio.

    Ci parla del Pellegrinaggio in questo nostro video esclusivo il prof. Dino Savio, vice direttore dell'Ufficio Missionario diocesano.

    (Leggi tutto...)
    VIDEO. La riflessione del Vescovo sul Vangelo di questa Domenica

    Dopo la pausa estiva proponiamo nuovamente la riflessione del Vescovo di Tortona Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo di questa Domenica.

    Si celebra la XX Domenica del Tempo Ordinario.

    Qui sotto il Video.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. I giovani tornano dal Kosovo. Tutto pronto per la Terra Santa.

    E' una estate molto impegnativa e piena di esperienze significative quella che la Diocesi di Tortona sta vivendo insieme al suo Vescovo Mons. Vittorio Francesco Viola.

    Dopo l'espreriesza di Lourdes, durante la quale in pellegrinaggio insieme all'OFTAL diocesano più di 500 pellegrini insieme al Vescovo ed ai sacerdoti della Diocesi, hanno vissuto momenti di intensa spiritualità uniti al servizio generoso dei volontari, molti dei quali giovani, è stata la volta dell'esperienza dei giovani della Pastorale giovanile di Kosovo.

    I giovani insieme a don Cristiano Orezzi, don Massimo Bianchi, ed il Vescovo Mons. Viola, hanno vissuto una settimana insieme alla comunità di volontari e religiosi della Casa della Caritas umbra in Kosovo. I giovani sono anche passati, di ritorno, al Santuario mariano di Medjugorje (sotto le foto di Daniela Catalano)

    Le esperienze forti della diocesi non finiscono qui: fervono infatti i preparativi per il Pellegrinaggio diocesano che quest'anno porterà la Diocesi in Terra Santa dal 9 al 16 di settembre.

     

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. La riflessione del Vescovo sul Vangelo della domenica

    Proponiamo anche questa domenica, la riflessione del Vescovo di Tortona, Mons. Vittorio Francesco Viola, sul Vangelo che la liturgia ci offre.

    Celebriamola XIII domenica del Tempo ordinario.

    (Leggi tutto...)
    VI Domenica di Pasqua: la riflessione del Vescovo

    Proponiamo come ogni settimana la riflessione del Vescovo sul Vangelo della domenica.

    Oggi è la VI domenica del Tempo di Pasqua.

    Guarda la riflessione di Mons. Vittorio Francesco Viola, Vescovo di Tortona.

    (Leggi tutto...)
    III Domenica di Pasqua: la riflessione del Vescovo

    Si celebra oggi la terza domenica del tempo di Pasqua. Mons. Vittorio Francesco Viola propone la riflessione sul Vangelo.

    Guardala nel video realizzato da RadioPNR.

    (Leggi tutto...)
    Diocesi. L'apostolato biblico si presenta. VIDEO SERVIZIO

    In Diocesi di Tortona, da alcuni mesi, ha iniziato la propria attività un gruppo di Apostolato biblico. Il gruppo, guidato da don Fabrizio Pessina - direttore dell'Ufficio catechistico - si offre alla Diocesi quale strumento a servizio della pastorale e della animazione nelle parrocchie, soprattutto nell'ambito della riflessione biblica e della animazione della preghiera.

    Abbiamo raggiunto alcuni membri del gruppo che ci hanno presentato le finalità dello stesso, le attività che vuole promuovere in Diocesi e altre interessanti informazioni.

    Il servizio video di RadioPNR TV.

     

    (Leggi tutto...)